Penya Barcelonista de Lisboa

diumenge, de maig 29, 2011

Barça, inno alla vita e al calcio. Da Abidal a Messi, poi il trionfo



Barça, inno alla vita e al calcio. Da Abidal a Messi, poi il trionfo
Posted on May 29, 2011 by Marc Leprêtre
“Dobbiamo giocare meglio di quanto abbiamo fatto due anni fa a Roma o stavolta perderemo”, aveva detto Pep Guardiola alla vigilia della finale di Champions League a Wembley. Bene, l’hanno fatto. E adesso questi chi li ferma? Il Barcellona ha strapazzato un pur dignitoso Manchester Utd molto più di quanto non fosse accaduto all’Olimpico: ancora due gol di scarto, da 2-0 a 3-1, ma con ben altra dimostrazione di forza. Quello romano era un Barça che aveva ribaltato un inizio difficile con un gol di Eto’o e il conseguente super-possesso palla, quello di ieri è una versione addirittura più evoluta, un “Barça 2.0” capace di premere a tal punto da poter fronteggiare ogni situazione di punteggio. Tanto da far dire a Ferguson, uno che due o tre partite in carriera le ha viste, “questo è l’avversario più forte che abbia mai affrontato”. Ora la domanda è: chi li ferma questi marziani? Chi li trattiene dal raggiungere subito il Liverpool a quota 5 Champions League/Coppe dei Campioni nell’albo d’oro? E dall’andare a caccia di Milan (7) e Real Madrid (9)?

ALL’ORIZZONTE — Proviamo a immaginare i fattori negativi che potrebbero incidere sul rendimento di questa squadra nei prossimi anni. Punto primo: un possibile addio di Guardiola, il direttore di questa orchestra miracolosa, che non ha fatto mistero di non credere ai lunghissimi cicli di un tecnico sulla stessa panchina (con buona pace di sir Alex). Secondo: Xavi, il fulcro del gioco catalano, è ormai “over 30” e non è detto che l’eventuale ritorno in patria di Fabregas, in futuro, lo sostituisca al meglio. Terzo: varie ed eventuali, come mega-cessioni sul mercato (ma un club così importante può fare a meno di privarsi dei suoi gioielli) o implosione dello spogliatoio, situazione al momento impronosticabile. Per il resto, è dura immaginare quali ostacoli possa incontrare questo Barcellona nel cammino verso l’etichetta di “miglior squadra di sempre”.

POCHISSIMI SCIVOLONI — In tre anni di gestione Guardiola, il Barça ha perso la miseria di 13 volte in 180 partite: le uniche sconfitte “sanguinose” di questa esigua lista sono quelle col Rubin Kazan e soprattutto con l’Inter nella scorsa Champions League, le due in Copa del Rey (Siviglia nell’edizione 2009-10, Real Madrid l’anno seguente) e quella con l’Arsenal in questa Champions, poi ribaltata nel ritorno degli ottavi. Le altre riguardano partite di campionato disputate a torneo appena iniziato o già deciso. E ancora nessuno ha davvero capito come si batte una simile macchina da guerra, senza ricorrere a barricate o almeno al sistematico tentativo di distruggere il gioco blaugrana. Mourinho c’è riuscito con l’Inter in una di quelle stagioni in cui il destino sembra portarti per mano verso il trionfo, ma la verità è che se appena qualcuno prova a metter fuori il naso dal bunker e a giocarsela a viso aperto… finisce come il Manchester Utd a Wembley. O come il Real Madrid della “manita” al Camp Nou.

E SE IL CICLO NON FINISSE? — Siccome questo Barcellona nasce da una filosofia, prima ancora che da un progetto, obbligare l’avversario a concentrarsi solo sulla fase difensiva e a sperare in colpi estemporanei è già una prima vittoria “culé”. E un altro successo è vedere i maggiori rivali impreparati a un confronto di questo livello: se si scoprono è un disastro, se si chiudono è umiliante ed è quasi peggio. Non basta nemmeno aprire l’ombrello e attendere che passi la tempesta, perché il Barça è mediamente un gruppo giovane e continua a immettere talento fresco in prima squadra, ragazzi destinati a diventare i campioni di domani: di Messi, Xavi e Iniesta ne nascono pochi, ma il valore tecnico dei prodotti della “cantera” della Masia lascia pensare che questo ciclo blaugrana non si esaurirà tanto in fretta, come è capitato ad altre squadre mitiche del passato. La presenza di un progetto a lungo termine lo farà durare a lungo, obbligando in pratica chi insegue a fare altrettanto, a migliorare il proprio calcio, a fare programmi a lunga scadenza, ad alzare il livello per rimettersi al passo. Ognuno col suo stile, ovviamente. Aver costretto gli avversari a crescere per tornare competitivi è forse la cosa più importante che il Barcellona di Guardiola lascerà in eredità alla storia di questo sport. Perché implica un salto in avanti generale, con benefici per tutti. Ma siamo lontani: il presente è una distanza siderale. E per fortuna è anche Abidal che alza la coppa a Wembley, un inno alla vita infinitamente più importante di ogni teorema calcistico di ieri, oggi e domani.

Stefano Cantalupi, Gazzetta dello Sport

http://www.gazzetta.it/Calcio/Estero/29-05-2011/barca-inno-vita-calcio-801384485048.shtml

0 Comments:

Publica un comentari a l'entrada

Links to this post:

Crear un enllaç

<< Home